Milik ancora sfortunato: stop di 4 mesi per il croato?

Non si può dire che Arkadiusz Milik sia un campione baciato dalla fortuna. Il centravanti croato infatti ha rimediato un nuovo – grave – infortunio e dopo lo stop prolungato dell’anno scorso si prepara ad un nuovo periodo da passare lontano dai campi.

Nel corso della partita con la SPAL – vinta dagli Azzurri per 2-3 non senza qualche patema – l’attaccante (subentrato a Zielinski) ha preso un brutto colpo al ginocchio destro (l’ultima volta si trattò invece del ginocchio sinistro).

Quasi subito sono arrivate le conferme, sotto forma di brutte notizie: diagnosi confermata e necessità di una immediata operazione chirurgica (che sta avvenendo proprio in queste ore, nella mattinata di lunedì).

Le tempistiche di recupero sono tutt’altro che irrisorie: si parla di uno stop di ben 4 mesi. Una pausa di questa portata implica un piano strategico da parte della società e delle contromosse da parte di mister Sarri.

In queste prime battute di Campionato Milik è stato fondamentalmente sempre in ballottaggio con Dries Mertens, con il belga tendenzialmente in pole position: il croato si rivela quasi sempre un talento prezioso ma con un Mertens in stato di grazia non sarebbe facile per nessuno trovare una maglia da titolare in quella posizione.

K.O. Milik, le alternative: Callejon o Rog adattati? Arriva Inglese dal Chievo? Ipotesi Gilardino?

Come agirà adesso Maurizio Sarri? Data la cessione di Pavoletti e Zapata, Milik era un alternativa fondamentale nello scacchiere del mister. Tuttavia le soluzioni d’attacco non mancano: Ounas è un esterno offensivo che se impiegato con intelligenza potrebbe crescere molto. Callejon – a segno nell’ultima giornata – non è una punta “pura” ma potrebbe adattarsi al ruolo. Altro giocatore “adattato” potrebbe essere Rog, che dovrebbe guadagnare dei metri in avanti rispetto alla sua solita posizione.

Vale la pena ricordare che la stupefacente crescita di Mertens come bomber è avvenuta proprio grazie ad un “adattamento” di questo tipo studiato dal mister. Spera di ritagliarsi qualche chance in più anche Giaccherini, piuttosto defilato in questo momento (come sostituto “naturale” di Insigne non ha vita facile).

Ma le soluzioni potrebbe arrivare anche da altri lidi. Non bisogna dimenticare infatti l’ipotesi Roberto Inglese: il giocatore è stato formalmente acquistato da De Laurentiis, che l’ha tuttavia lasciato a farsi le ossa al Chievo fino a Verona.

Data la situazione però ci potrebbe essere bisogno di accelerare le operazioni di sbarco a Napoli: data di approdo già a gennaio. A Verona non la prenderebbero benissimo ma i gialloblu dovrebbero rimediare mettendo le mani su Paloschi, che alla SPAL non trova continuità.

Ci sono poi ipotesi più suggestive, come l’arrivo in maglia azzurra di Giuseppe Rossi (alle prese con la riabilitazione dopo l’ennesimo infortunio) oppure Alberto Gilardino (volendo puntare su un “usato sicuro”).

Intanto Milik è a Villa Stuart, sotto i ferri del professor Mariani. E i tifosi napoletani attendono “alla finestra”.

Speciale Offerta FIFA 18