Un anno di inibizione in primo grado per Andrea Agnelli, ma la Juventus ricorrerà

E’ ufficiale, il Tribunale nazionale della Federcalcio ha dato la sua sentenza: Andrea Agnelli è stato inibito per un anno in primo grado. L’accusa aveva chiesto per lui due anni e sei mesi di inibizione più un’ammenda di 50mila euro alla Juventus, alla fine si è giunti alla soluzione dei 12 mesi.

Ovviamente non soddisfatto il club bianconero, che voleva l’assoluzione piena per il suo presidente. Quindi con ogni probabilità ricorrerà in appello per provare l’innocenza di Agnelli con riferimento al processo sui legami ultras-biglietti.

Ecco cosa scrive l’Ansa a tal proposito: “Un anno di inibizione per il presidente della Juventus Andrea Agnelli, ammenda di 300 mila euro per il club bianconero. E’ questa la sentenza del Tribunale nazionale della Federcalcio nel processo al massimo dirigente juventino per i rapporti non consentiti con i tifosi ultrà”.

Staremo a vedere nelle prossime settimane cosa succederà, ma sicuramente la Juventus non rimarrà in silenzio di fronte a questa situazione.