Italia-Macedonia, Ventura dovrebbe lanciare Verdi e Gagliardini dal primo minuto

Domani sera allo Stadio Grande Torino l’Italia sfida la Macedonia nella gara valida per le qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018. Ovviamente si tratta di un match fondamentale per gli azzurri, che vogliono mettere al sicuro il secondo posto e arrivare agli spareggi in qualità di teste di serie per evitare così brutti clienti.

Il ct Ventura pare abbia virato verso il modulo 3-4-3, forse in questo momento più congeniale rispetto agli uomini che l’ex allenatore del Torino ha a disposizione. Si parte in porta dal capitano Buffon, che sarà protetto da una linea difensiva a tre composta dall’ex terzetto bianconero Barzagli, Bonucci e Chiellini.

A centrocampo, vista l’indisponibilità di Conti, Verratti e De Rossi, agiranno Zappacosta e Darmian sulle fasce, con Gagliardini e Parolo in mezzo al campo. Davanti, visto il forfait anche di Belotti, al centro ci sarà super Immobile, sostenuto ai lati da Insigne e Verdi, promosso titolare dal tecnico genovese al posto di Candreva.

Nazionale che rimane comunque incerottata, e che nelle ultime ore deve anche registrare un lieve affaticamento muscolare per El Shaarawy (che però andrà in panchina) e la lussazione all’indice della mano destra di Rugani, che con ogni probabilità si accomoderà in tribuna.

Italia-Macedonia probabili formazioni: ecco gli schieramenti di Ventura e Angelovski

ITALIA (3-4-3): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Zappacosta, Gagliardini, Parolo, Darmian; Verdi, Immobile, Insigne. Ct Ventura

MACEDONIA (5-3-2): Bogatinov; Ristovski, Mojsov, Sikov, Ristevski, Zuta; Hasani, Ibraimi, Alioski; Pandev, Nestorovski. Ct Angelovski